Hai cercato:
Pittore 

Ettore
Tito

Castellammare di Stabia 1859 – Venezia 1941

Siete interessati
alla vendita
o all’ acquisto
di sue opere?
  Home   Presentazione   Valutazione opere d'arte   Newsletter   Dove siamo   Contatti

Quotazioni Prezzi Valore Dipinti Quadri Acquisto Compro
Dipinti '800 e primo '900
Sculture '800 e primo '900
Mostre e Fiere
Archivi
STIMA GRATUITA
 

Volete VENDERE un’opera di questo ARTISTA?

  • 1) Contattateci immediatamente
  • 2) Oppure Chiamando allo
  • 3) O inviate una foto su
  • 4) Oppure compilando il FORM sottostante.
Nome Allega foto 1
Telefono Allega foto 2
E-Mail Allega foto 3
Messaggio

Codice di sicurezza

In base alla legge 675/96, acconsento al trattamento dei dati personali

 
 
Sue opere su MAESTRIONLINE
 

Consultate il nostro archivio online per visualizzare opere di questo ARTISTA

 
Biografia:
Ettore Tito ( Castellammare di Stabia 1859 – Venezia 1941 )

Giunto assai presto a Venezia dalla natia Napoli Ettore Tito si iscrisse all'Accademia di Belle Arti sotto la guida di Pompeo Marino Molmenti. Dagli esordi nel segno di Giacomo Favretto, per l'attenzione all'aneddoto curioso, e di Mariano Fortuny, nella spigliatezza del segno pittorico, Tito ben presto si distanziò aggiornandosi sulla locale tradizione del settecento veneziano e derivandone una personale freschezza stilistica sino allora inusitata. Da qui una serie di successi nazionali e internazionali, iniziati con l'acquisto da parte della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma de La pescheria vecchia a Venezia del 1887 e culminati con la medaglia d'oro conquistata all'Esposizione Internazionale di Parigi del 1900. Con La deposizione nel 1911 vinse un altro importante riconoscimento che gli permise di vendere quest'opera al Museo di Buenos Aires e contemporaneamente di aprire importanti contatti commerciali con il florido mercato collezionistico argentino. Il dipinto della Galleria Berardi, firmato e datato in basso a destra “E.Tito 915” raffigura una tranche de vie di lavoro quotidiano, il trasporto del fieno, ripreso nel culmine dello sforzo fisico. Da sottolineare l'assenza di qualsiasi tono moralistico o ironico nel racconto del quotidiano di opere del genere di Tito che dispiega tutta la sua abilità tecnica per restituire semplicemente uno schietto realismo di matrice post-impressionista. L'opera è una seconda versione di un lavoro eseguito alcuni anni prima, quel Raccolto del fieno a Asiago del 1911 esposto da Stefani a Buenos Aires nello stesso anno e poi venduto al collezionista Don Lorenzo Pellerano. Rispetto alla redazione precedente l'opera in oggetto presenta alcune varianti non rilevanti, quali l'assenza della casa sullo sfondo a destra e la resa più approssimativa della staccionata al centro della composizione. Si tratta sostanzialmente di una replica di un soggetto che riscosse un certo successo - tanto da aver rappresentato il maestro in un'esposizione d'oltroceano - eseguita quattro anni dopo la prima versione in via ipotetica a Roma dove il pittore risiedette in maniera continuativa appunto dal 1915 al 1919. In quest'ottica non è un caso che l'opera, inedita, provenga da una collezione privata di Roma, città dove è probabile sia stata custodita sin dalla sua esecuzione.

Ettore Tito

Il raccolto del fieno ad Asiago


 


   presentato da Galleria Berardi - Maestri Antichi e dell'Ottocento e dl primo Novecento
e-mail: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it

Seguici su facebook


Antichità Rinasimento s.n.c. - Corso del Rinascimento,9 - 00186 Roma Tel/Fax (+39) 06.97.606.127 - P.Iva 06383751002