cerca artista
GIOVAN BATTISTA AMENDOLA scultore

Hai cercato

Scultore
Giovan Battista
Amendola

Episcopio di Sarno 1848 - Napoli 1887

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Si forma inizialmente presso lo scultore Antonio Busciolano. Dagli anni Sessanta frequenta l’Accademia di Belle Arti di Napoli, dove studia sotto la guida di Tito Angelini, Stanislao Lista e Tommaso Solari.

Intorno al 1865, si trasferisce a Roma dove entra in contatto con lo scultore purista Pietro Tenerani e dove inizia a comporre raffinati ritratti in bronzo, affinando sempre di più la sua tecnica e passando gradualmente dal gusto accademico a quello più strettamente verista.

La forte attenzione alla questione sociale sembra provenire dalla conoscenza di Achille D’Orsi e si esprime soprattutto nelle opere presentate nel 1877 all’Esposizione Nazionale di Napoli: Lo carrettiello, Il maniscalco e Caino e la sua donna. L’Allegoria dell’autunno viene inviato l’anno successivo a Parigi per l’Esposizione Universale, decretando definitivamente la sua approvazione da parte della critica e del pubblico.

Prende parte alle Promotrici napoletane per gran parte degli anni Settanta, ma è proprio alla fine di questo decennio che soggiorna a Londra, dove avviene l’incontro che dà una svolta fondamentale alla sua produzione: entra in contatto con il pittore di origini olandesi Lawrence Alma Tadema. Quest’ultimo, da una parte lo rende noto all’aristocrazia inglese e gli permette di ricevere una lunga serie di committenze e di incarichi privati, dall’altra, lo introduce alla tematica neopompeiana e di revival dell’antica Roma.

Tale incontro lo porta a vivificare il suo repertorio, sino ad allora dedicato a scene di genere realiste, con le tematiche ispirate all’antica Roma. A questo periodo appartengono diverse opere di elegante e raffinata fattura come Una mia modella in Londra e Ritratto di Lady Brocke, ma anche Kimono, Una moderna vestale, Flora, Contadino e Ada.

Tornato a Napoli realizza diversi monumenti ed espone in diverse occasioni. Tra i suoi lavori ricordiamo: Pierrot, Una chiamata al villaggio, Signure pigliateve li cerine, Caino e la sua donna, Autunno, Dogali. Muore a Napoli nel 1887, a soli 39 anni.

Elena Lago 

Opere

amendola_giovan_battista_testa_donna_1lr.jpg

Zoom

Flora

Tecnica:

scultura in bronzo


Misure: cm. 53 (A)

Firmato sul retro "G. B. Amendola"; timbro della Fonderia Laganà

Giovan Battista Amendola - Il kimono

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Il kimono

Tecnica:
Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus