cerca artista
KARL WILHELM GOTZLOFF pittore

Hai cercato

Pittore
Karl Wilhelm
Gotzloff

Dresda 1799 - Napoli 1866

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Karl Wilhelm Götzolff nasce a Dresda nel 1799. Si forma nell’Accademia della sua città tra il 1814 e il 1820, quando esponendo alcune sue opere alla Mostra dell’Accademia, si aggiudica il primo premio e ottiene una borsa di studio che gli permette di perfezionarsi al di fuori di Dresda. Infatti, si allontana dalla sua città natale, prima per studiare in Svizzera e poi per giungere finalmente in Italia. Si stabilisce per un certo periodo a Roma nel 1822, città che usa anche come base per visitare la vicina Tivoli, la campagna romana, Frascati, ma soprattutto per entrare in contatto con la comunità di artisti nordici a Roma.

Conosce pittori come il purista Anton Koch e soprattutto il barone Uwkull-Gylleband. Con quest’ultimo e grazie anche al suo sostegno finanziario, Götzloff compie un importante viaggio nel su Italia. Prima si reca a Napoli dove soggiorna per alcuni giorni, per poi imbarcarsi per la Sicilia. In questi anni realizza numerosi studi e acquarelli, anticipazioni dei successivi dipinti realizzati dalla metà degli anni Venti e negli anni Trenta. Nel 1826, infatti, dopo questo lungo viaggio con il barone che diviene tra l’altro il suo principale collezionista e mecenate, si stabilisce a Napoli. Presa casa nel vicoletto del Vasto, entra in contatto immediatamente con i rappresentanti della Scuola di Posillipo.

Prima conosce Antoon Smick van Pitloo, poi Giacinto Gigante e Teodoro Duclere entrando a fare parte egli stesso della Scuola di Posillipo. In questo periodo, infatti, si fa interprete di una serie di vedute e paesaggi dedicati al Golfo di Napoli, caratterizzati da un’ampia luminosità e dalle classiche caratteristiche dei primi paesaggi dal vero realizzati in area partenopea. Spesso, protagonista dei suoi dipinti è il Vesuvio, richiesto dai committenti e soprattutto da Leopoldo di Sassonia, di cui è al servizio dal 1827. Nel 1835 viene nominato pittore di corte da Ferdinando II di Borbone e nello stesso anno, compiuto un viaggio nella natia Dresda, ottiene la nomina di membro dell’Accademia Reale.

Sempre nella metà degli anni Trenta si sposa a Dresda, ma si trasferisce con la moglie a Napoli. Nel 1848, per sfuggire ai moti rivoluzionari, si sposta con la moglie e i tre figli nella penisola sorrentina, continuando a dipingere. È da questo periodo, però, che inizia anche il suo declino non solo finanziario, ma anche familiare. Negli anni Cinquanta perde prima il figlio Hugo, poi la moglie e insueguito un altro figlio viene rapito dai briganti. Non riuscendo a sostentarsi solo con la vendita delle sue opere, dagli anni Sessanta comincia ad essere dimenticato e muore quasi indigente a Napoli nel 1866, dopo aver provato senza riuscirci a ritornare definitivamente in patria.

Elena Lago

Opere

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus