cerca artista
GIANNINO MARCHIG pittore

Hai cercato

Pittore
Giannino
Marchig

Trieste 1897 - Ginevra 1983

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

È nato a Trieste ma da diversi anni vive a Firenze. È un autodidatta. Nel 1919 vinse il premio Stibbert. Alcune opere sue sono nella Galleria Nazionale di Roma, nella Galleria di Bologna e nel «Gabinetto Disegni e Stampe» degli Uffizi. È artista coscienzioso e delicato. Ama le tonalità basse e le armonie tenui. Coltiva con provetta capacità tecnica e senso del chiaroscuro anche l'acquaforte. Alla «Primaverile» si presenta con opere più vigorose e di più largo respiro di tutte quelle eseguite per il passato. E' biondo, ha una piccola barbettina alla nazzarena, è magro. M'è parso, quand'egli venne ad aprirmi il cancello del suo studio fiorentino, di trovarmi innanzi il «San Francesco» di Ernesto Biondi ch'io vidi, qualche giorno dopo la morte di questo scultore, nel suo studio in via degli Scipioni a Roma. Un'impressione strana, curiosa, ch'io fermo qui per una sola ragione: perchè essa mi è ancora viva adesso, nella mente, scrivendo di Giannino Marchig e ripensando a quella mattina fiorentina, un poco «piovorna». M'è piaciuto subito, di lui, quella serena calma della sua visione artistica e il modo dolce, buono, infantile quasi, con cui mi parlava di sè e della sua arte, delle sue concezioni e dei suoi lavori. Da Trieste egli andò a Firenze con nell'anima l'impronta di diverse tendenze artistiche, sopratutto quel di Bruno Croatto col quale aveva avuto agio di studiare nei primissimi anni. Poi, venne a contatto con gli artisti moderni belgi che trasfusero nel suo animo, già d'altronde preparato per inclinazione, un senso profondo di misticismo un poco mescolato ad una strana vena di umorismo. Perchè, in fatti, è questo appunto la caratteristica di quest'arte belga o fiamminga che dir si voglia: dipingere, ad esempio, un interno di chiesa con uno spirito devoto e nello stesso tempo creare scene e figure che hanno del leggermente irrisorio fino al grottesco. Egli non venne a contatto personalmente con gli artisti belgi ma gliene rivelò sopratutto l'opera a Siena, la magnifica collezione d'arte del signor Colucci. E questa conoscenza produsse un grande effetto nell'animo di Giannino Marchig e nell'espressione della sua arte, tanto che da questa conoscenza dello spirito fiammingo moderno egli volle risalire allo studio dei fiamminghi antichi. Tuttavia l'animo di Giannino Marchig sentì ben presto il bisogno di liberarsi da questa influenza che gli aveva come fasciata l'anima e resa immobile: e lo fece con un raziocinio degno di un uomo calmo e tranquillo che vuol raggiungere ad ogni costo la mèta del bello, cercando dí abbandonare l'inutile e il superfluo ma solo ritenendo, di quest'influenza fiamminga, quel tanto che si confaceva al suo animo mistico per natura. E così entriamo nel secondo momento della sua vita artistica: egli ha trovato nella vita religiosa del duecento e del trecento italico, sopratutto fiorentino, uno spirito di maggiore larghezza, anche nel misticismo dei primitivi, e di più grande distacco delle forme della natura cui tanto tengono anche i più ingenui fiamminghi e parallelamente, il rivelarsi di uno spirito che meglio che umoristico potrebbe dirsi comico realistico nelle favolette e nelle storiette di santi, e che informa gran parte dell'opera dei «raccontatori» che è tanta nell'arte nostra dei primi secoli. L'umorismo che Giannino Marchig ne ricavò fu dovuto, anzitutto, al suo medesimo gusto di sentire quell'ingenuità che sola, in fondo - come in Iacopone da Todi - dava a quell'arte un' aspetto così vivace e comico. Ed egli gira chiese e conventi, avvicina frati e monaci e pezzenti, vive la loro vita, vi si addentra con tutto il desiderio e con tutta la passione, vedendo le cose di questa vita da un lato di particolar comicità larvata da un certo senso di pessimismo. E specialmente in un giro per la Toscana di Siena, di S. Geminiano e nel soggiorno al convento di Monte Oliveto Maggiore, dove passò giorni di austera solitudine, il suo spirito sentì completamente e fortemente l'allontanamento da quegli elementi fiamminghi che lo avevano fino ad allora tanto impressionato ed ebbe tutta una profonda rivelazione d'italianità.

Opere

marchig_giannino_natura_morta_lr.jpg

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Natura morta (1930)

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm. 64 x 78

Firmato e datato in basso a destra "Giannino Marchig 1930"

Provenienza: Collezione Arturo Marpicati già vicesegretario del Partito Nazionale Fascista

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus