cerca artista
ALIMONDO CIAMPI scultore

Hai cercato

Scultore
Alimondo
Ciampi

San Mauro a Signa 1876 - Firenze 1939

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Alimondo Ciampi nasce a San Mauro a Signa, vicino Firenze, nel 1876 da due modesti contadini. Inizialmente il ragazzo deve necessariamente prestarsi al mestiere dei genitori, ma sin da piccolo dimostra uno spiccato amore per le sculture della chiesa locale. A sedici anni abbandona i campi per entrare a lavorare come aiutante nel laboratorio di marmi Fiaschi, a Firenze. È qui che inizia il suo apprendistato di scultore, non soltanto lavorando nel laboratorio, ma anche studiando e osservando ripetutamente le statue nei musei e nelle strade fiorentine, a cominciare da quelle della facciata di Orsanmichele.  

La vera e propria carriera artistica di Alimondo Ciampi inizia nel 1903, quando si iscrive alla Scuola Libera del Nudo, prima vera e propria palestra formativa, in cui insegna ancora l’anziano Fattori. Partecipa subito all’Esposizione annuale fiorentina, dove presenta un Ritratto. L’anno successivo, sempre alla stessa manifestazione presenta un Autoritratto, Da mane a sera e Problema e soluzione. Piccole sculture in gesso che segnano gli albori della sua esperienza artistica e che evidenziano comunque una spiccata attenzione al carattere espressivo e “psicologico” dei personaggi ritratti. Alla Scuola Libera del Nudo Ciampi conosce artisti come Lorenzo Viani, Llevelyn Lloyd e Giulio Cesare Vinzio, con cui si legherà per tutta la vita.

Nei primi anni è interessato ad una scultura indirizzata verso la ricerca del dato reale, dello sforzo fisico e muscolare, della dinamicità dei corpi. Basti pensare a Stanche membra! presentato nel 1905 a Firenze o a figure di matrice mitologica come Sirena e Narciso, ma soprattutto a Latte e sangue!, in cui una madre non riesce ad allattare il figlio. Così l’amico Lloyd descrive Alimondo: «studioso e amoroso; aggiungo scrupoloso perché egli è fedele alla Natura e esige il modello in posa esatto come ha immaginata nella sua mente la figura secondo il suggerimento e la commozione che egli ha avuto dal vero». E ancora «il suo disegno è castigato, la modellatura sobria nei piani e nei volumi, l'unità armoniosa», parole che esprimono la naturalezza del modellato ciampiano, delicato e gentile.

In riva al mare compare all’Esposizione fiorentina del 1908, mentre con Autoritratto partecipa alla Biennale di Venezia del 1909. All’Esposizione Internazionale di Roma del 1911 invia Il piedino ferito, per poi partecipare alle mostre della Secessione romana del 1913 e del 1914, in cui presenta Frammento e Ritratto. Sempre nel 1914 alla Biennale invia Madre!, prima dell’interruzione dovuta alla prima guerra mondiale, che lo porterà a lavorare di nuovo a partire del 1918-19, quando si occupa di una serie di sculture funerarie. Nel 1920 ricomincia ad esporre alla Biennale con il ritratto del figlio Giotto, nel 1922 presenta invece Primo peccato e La via perduta e nel 1924 Piccola bagnante e Famiglia di conigli. Nel frattempo, partecipa alle Biennali romane e alle Quadriennali torinesi e, nel 1923, all’Esposizione d’Arte Italiana a Buenos Ayres.

Il 1928 è l’anno dell’importante collettiva con Ruggero Focardi e Giulio Cesare Vinzio alla Galleria Pesaro di Milano, in cui presenta una trentina di opere tra cui L’elemosina, Abbandonata, Rimembranze, Uccellini affamati, Melanconia, La madre e Il nido, opera delicata e affascinante. Continua a partecipare alle mostre per tutti gli anni Trenta: Testina di bimbo compare alla mostra milanese del 1938, un anno prima della sua morte che lo coglie a Firenze. Poco prima era stato nominato Accademico Emerito della Reale Accademia delle Arti del Disegno.

Elena Lago

Opere

Ciampi - Primo peccato

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Primo peccato

Tecnica:

marmo


Misure:

Alimondo Ciampi - Il nido

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Il nido

Tecnica: Scultura in terracotta
Misure: H: cm. 82

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus