cerca artista
LUIGI BUSI pittore

Hai cercato

Pittore
Luigi
Busi

Bologna 1838 - 1884

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Compie la sua formazione presso Collegio Artistico Venturoli di Bologna, con Gaetano Serra Zanetti. Poi, all’Accademia di Belle Arti frequenta i corsi di Clemente Alberi. Esordisce nel solco della pittura di storia, indirizzandosi, però, già verso una personale interpretazione improntata al vero. Esordisce nel 1855 con L’incontro di Giacobbe con Rachele, mentre nel 1857 espone Nicolò de’ Lapi prima del supplizio e nel 1858 La figlia di Jeffe. Grazie al successo ottenuto con questi dipinti, Busi nel 1858 ottiene il pensionato artistico.

Si reca a Roma, dove può finalmente approfondire la sua ricerca verista, senza mai tralasciare il genere storico. Nella futura Capitale del Regno unito, uno dei centri più fertili dal punto di vista artistico, conosce Cesare Fracassini, Federico Faruffini e Stefano Ussi. Questi confronti gli offrono chiavi di lettura nuove che gli permettono di dare alla pittura di storia bolognese un indirizzo innovativo, chiaramente verista, attentissimo alla resa della luce e del colore.

Tornato a Bologna nel 1860, esegue Le ultime ore del doge Foscari e soprattutto il Torquato Tasso e il cardinale Cinzio Aldobrandini nel convento di Sant’Onofrio a Roma, esposto a Bologna nel 1864 e all’Esposizione Universale di Parigi tre anni dopo.

Il rientro nella sua città lo stimola, inoltre, alla trattazione di temi legati alla contemporaneità bolognese e non solo alla sua storia. Gli anni Settanta, infatti, lo vedono impegnato in una serie di soggetti aneddotici dai forti accenti morali che sfiorano a tratti il sentimentalismo, in opere come Visita di condoglianze del 1870, Incertezza del 1874 e le Conseguenze di un matrimonio celebrato col solo rito religioso del 1875. In questi anni Busi riceve anche una serie di incarichi di carattere pubblico: realizza Il martirio dei Santi Vitale e Agricola nel 1873, per la chiesa omonima a Bologna, nella Villa Hercolani Belpoggio esegue un’Adorazione dei Magi. Decora poi Palazzo Pighini a Imola e la Sala Rossa del Palazzo Comunale a Bologna, tra le altre importanti committenze di area bolognese. Continua nel frattempo a partecipare alle mostre nazionali ed internazionali, ottenendo sempre una serie di lodi.

Nel 1877, all’Esposizione Nazionale di Napoli presenta Visita alla puerpera, Gioie materne e I primi passi, invece al 1881 risale L’onomastico di Bebè. Muore a Bologna nel 1884.Dopo questa data, all’Esposizione di Bologna del 1889, l’autore viene ricordato con la presentazione di una serie di sue opere inedite, tra cui alcune Figure allegoriche, La lettura del testamento e Le rondini.

Elena Lago

Opere

Busi - Gioie materne

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Gioie materne

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Luigi Busi - In convento

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

In convento

Tecnica:
Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus