cerca artista
ALCIDE DAVIDE CAMPESTRINI pittore

Hai cercato

Pittore
Alcide Davide
Campestrini

Trento 1863 - Milano 1940

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Nasce nel 1863 a Trento da una famiglia di umili origini, ma di indirizzo fortemente irredentista. Dopo aver frequentato le scuole civiche di Trento e un corso di scultura, si trasferisce a Rovereto per frequentare la bottega di un suo zio decoratore. Per sfuggire al servizio nell’esercito austriaco, nel 1881 si trasferisce a Milano, dove si iscrive all’Accademia di Brera. Vi segue i corsi di Raffaele Casnedi e Giuseppe Bertini e per mantenersi svolge i lavori più disparati, come quello di decoratore di insegne per negozi. Conclusi gli studi a Brera, apre uno studio a Milano, precisamente in piazza Castello, dove inizia a lavorare soprattutto come ritrattista.

Nel 1887 partecipa all’Esposizione Nazionale di Venezia con il dipinto Meditazione e proprio nello stesso anno ottiene una cattedra alla Scuola d’Arte applicata all’Industria del Castello Sforzesco, dove rimane fino al 1920. Nel 1894 espone I neghittosi, quadro ispirato al IV Canto del Purgatorio, che gli fa ottenere il premio Gavazzi per la pittura di storico-letteraria. È il periodo in cui viene nominato socio onorario dell’Accademia di Brera e professore di figura nella stessa istituzione. Partecipa a poche rassegne, ma spazia dal ritratto al paesaggio ai soggetti sacri. Nel 1898 espone a Torino Primi suoni e Sul meriggio a Trento.

Nel primo decennio del Novecento si dedica soprattutto a soggetti di storia militare, infatti all’Esposizione di Milano per il Traforo del Sempione del 1906 partecipa con Avanti Savoia!, Funerali di un fratello e Nell’archivio. Pur vivendo a Milano, non interrompe mai i contatti con la sua città d’origine, Trento, che gli procura anche diverse committenze. Dopo la prima guerra mondiale, gli viene commissionata una tela da dedicare all’annessione del Trentino, appunto La cerimonia d’annessione del Trentino all’Italia, tela terminata nel 1920 e conservata al Museo del Risorgimento di Trento.

Negli stessi anni decora diverse ville di Rovereto ma anche il Teatro Sociale di Trento, di cui si ricorda in particolare il medaglione a tempera del soffitto con Le città trentine che sfilano dinanzi all’Italia vittoriosa e grande, annunciate dalle arti musicali. Negli anni Trenta abbandona la pittura celebrativa per dedicarsi liberamente al paesaggio, che lo spinge a viaggiare dalle Alpi alla Campania alla Sicilia per raccogliere nuovi motivi. Nel 1934 si sposta fino in Libia, dove elabora una serie di studi esposti alla Mostra Coloniale di Napoli proprio del 1834. Muore a Milano nel 1940.

Elena Lago

 

Opere

Campestrini - Nell'archivio

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Nell'archivio

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus