cerca artista
SCIPIONE CARIGNANI pittore

Hai cercato

Pittore
Scipione
Carignani

Torino 1821 - 1875

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Scipione Carignani nasce a Torino nel 1821. Ben presto si trasferisce a Genova insieme alla famiglia, proprietaria di una fiorente attività commerciale. Nella città ligure viene avviato alla miniatura da Santo Panaro, per cui inizialmente si specializza in questa tecnica. Trasferitosi a Roma, si avvicina alla pittura di paesaggio frequentando lo studio di Carlo Markò padre, ma divide la sua vita tra l’arte e l’impegno politico. In effetti, nel 1848 si arruola volontario per le campagne garibaldine, sostenendo l’indipendenza e l’unità d’Italia. Al 1850 si data la sua prima importante partecipazione ad una mostra: espone a Torino Rovine illuminate al tramonto e Veduta nelle vicinanze di Roma.

Nel 1852, sempre a Torino, espone una serie di paesaggi che ci indicano un suo soggiorno in Toscana, tra cui Cascina di Pisa, Lago di Massaciuccoli in Toscana. È in questi anni, dunque che si esprime con una tecnica libera e sciolta, prediligendo soprattutto le tele di grande formato. Dalla seconda metà degli anni Cinquanta, passa dai paesaggi laziali e toscani a quelli delle montagne, dei laghi e delle campagne piemontesi, proprio in corrispondenza del suo rientro a Torino. Intriso di un romanticismo tutto legato alla lezione di Alexandre Calame, partecipa alle esposizioni torinesi e genovesi per tutto gli anni Cinquanta e Sessanta. Alla Promotrice torinese del 1857 presenta Paesaggio di composizione, Rimembranze di Racconigi e Lago di Avigliana, a Genova l’anno successivo invia Ricordo di Stupinigi, Paese e Motivo nella valle dei Salici presso Torino.

Paesaggi e vedute dalla forte valenza scenografica e di ampio respiro sono intrisi di un’attenzione naturalistica che aumenta sempre di più con il passare degli anni e grazie agli echi della Scuola di Rivara con cui l’artista si confronta alle esposizioni torinesi. A Torino nel 1863 espone Stupinigi, Stura, Collina di Cavoretto, Cittadella di Torino, nel 1868 Il principiar dell’autunno e Rigagnolo ai piedi di Cavoretto. Partecipa alla sua ultima esposizione nel 1875, con Dintorni di Stupinigi. Muore nello stesso anno a Torino.

Elena Lago

Opere

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus