cerca artista
GIOVANNI (NINO) COSTA pittore

Hai cercato

Pittore
Giovanni (Nino)
Costa

Roma 1826 - Marina di Pisa 1903

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

Artista di rilievo internazionale, in contatto con alcuni dei maggiori esponenti della pittura inglese, tedesca e francese, critico militante, patriota con ruolo di spicco durante i moti risorgimentali, infaticabile promotore di mostre e associazioni artistiche indipendenti, Nino Costa figura tra i principali protagonisti della pittura del secondo Ottocento italiano. Formatosi a Roma e vissuto tra Roma, Firenze e la Toscana, Londra e Parigi, sin dagli anni Cinquanta prendeva le distanze dalla cultura purista e romantica per elaborare, attraverso l’attenzione al linguaggio di Corot e il fruttuoso contatto con Arnold Böcklin e con artisti inglesi come George Mason e Frederic Leighton, una concezione spiritualista del paesaggio. Partendo dall’esigenza di rendere nel modo più intenso la profonda emozione ricevuta dalla natura, approcciata libera dalle convenzioni accademiche, Costa affermava la necessità di operare una selezione dei dati della visione epurandola da tutto ciò che poteva turbare il lirismo dell’insieme, perché il “vero non dice nulla se non si è veduto attraverso il sentimento del pensiero” (Costa 1927, p. 121). Tale processo di trasfigurazione della realtà, con il quale l’artista darà un contributo fondamentale alla formulazione della poetica macchiaiola, è ben esemplificato in questo paesaggio, una veduta realizzata a Rapallo con il promontorio di Portofino sullo sfondo, dipinto probabilmente nel 1862, come indica l’iscrizione non autografa sul verso, apposta in un momento successivo forse dalla figlia Giorgia. Il senso di fusione con la natura dato da un tramonto infuocato è tradotto attraverso la resa intensa, sottile delle variazioni rosa e perlacee della luce che sostanzia ogni elemento del paesaggio. Le sintetiche stesure cromatiche e la costruzione per masse, ben evidente nella plastica modellazione degli elementi rocciosi, evidenzia la riflessione condotta su Corot e sui primitivi italiani, a proposito della quale Adriano Cecioni aveva parlato di “pittura modellata”, qualità “preziosa” che, a suo avviso, si rivelava “in tutta la sua potenza nelle colline, nei poggiuoli e nei promontori” (Cecioni 1884). Allo stesso tempo, la solitaria presenza della figura femminile, classicamente atteggiata, infonde alla visione un senso di mitica sospensione atemporale, secondo una connotazione spiritualista che si accentuerà allo scorcio del secolo attraverso l’incontro con l’estetismo dannunziano, facendo di Costa l’indiscusso protagonista del rinnovamento in chiave simbolista della pittura romana.

Testo di Sabrina Spinazze'.

Galleria Berardi © - È vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta secondo la normativa vigente.

Opere

Costa - Il tempio di Vesta a Roma

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Il tempio di Vesta a Roma

Tecnica:

Matita ed acquarello su carta


Misure: cm. 17 x 23

Costa - Bufali nelle paludi

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Bufali nelle paludi

Tecnica:

Disegno a matita su carta


Misure: cm. 17 x 23

Siglato in basso a sinistra "G.C."

Costa - A Rapallo

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

A Rapallo

Tecnica:

olio su carta incollata su tela


Misure: cm. 33 x 45

Firmato in basso a sinistra "G. Costa". Provenienza: eredi dell'artista. Bibliografia: La poesia del vero, a c. di Gianna Piantoni, Mostra svolta a Macerata, 20 luglio - 15 settembre 2001, pp. 37-38.

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus