cerca artista
LUIGI DI GIOVANNI pittore

Hai cercato

Pittore
Luigi
Di Giovanni

Palermo 1856 - 1938

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

Pittore siciliano, nato in Palermo il 19 gennaio 1856.

Fin da bambino egli trovossi tra i colori e i pennelli, e servì da modello al padre suo, che lo faceva posare per dipingere i putti sui quadri sacri che egli eseguiva.

A diciassette anni a spese del padre il giovane Di Giovanni fu inviato a Napoli, dove studiò nove anni sotto la direzione di Domenico Morelli, che lo amò come figliuolo.

Sino dai primi mesi che l'ebbe seco, il grande maestro scoprì nel giovane allievo la stoffa di un valente artista, onde gli fu largo delle sue amorose cure e dei suoi preziosi consigli.

Nel 1875 espose alla Promotrice di Napoli alcuni disegni a penna, e fra questi un "Ritratto del Morelli", che fu molto ammirato.

Espose ancora acquarelli e pitture e questi e quelli ottennero lodi unanime dai visitatori e dalla stampa.

Il suo primo quadro a pastello "Giovedì Santo" fu acquistato dalla contessa Mazarino, per abbellirne il suo magnifico palazzo.

Due grandi acquarelli sono posseduti dal Granduca Costantino ed un numero grande di disegni ed acquarelli si trovano presso le primarie famiglie di Napoli, Palermo ed altrove.

Il quadro ad olio: "Il ritrovamento del cadavere di Pietro Micca", si trova presso il Museo Civico di Torino, e Sua Maestà la Regina d' Italia acquistava una riproduzione a penna eseguita dal Di Giovanni del preziosissimo affresco esistente in Palermo: "Il trionfo della morte".

Fra le sue opere va maggiormente lodato un acquarello riproducente il magnifico "Trittico detto di Malvagna", posseduto dal Museo Nazionale di Palermo, che l'artista riprodusse maestrevolmente lavorandovi per ben tre anni consecutivi.

Dopo essere stato molto tempo a Napoli, il Di Giovanni tornò nel 1882 in patria e fu a Palermo uno degli iniziatori della pittura a pastello, tantochè anche colà si formò una scuola di pastello, che ha già dato buoni frutti e che ancora molti ne promette per l'avvenire.

Di questo artista si hanno anche ritratti eccellenti, e un numero grande di lavori fra i quali citiamo i seguenti: "Non l'avessi mai letto!" (Napoli 1877); "Cappella di Sant'Andrea nella chiesa di San Paolo a Napoli" esposta a Torino nel 1880; "Cappella del Crocifisso"; "Suonatrice orientale"; "Gelosa" (Milano 1881); "Giovedì Santo"; "Rinvenimento del cadavere di Pietro Micca" a Torino 1884; "Preparativi carnevaleschi" a Venezia nel 1887.

Il Di Giovanni è cavaliere della Corona d'Italia, professore di disegno e del colorito nel R. Istituto di Belle Arti di Palermo.


 

Opere

luigi_di_giovanni.jpg

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Giovane donna siciliana

Tecnica:

acquerello


Misure: cm 17,5 x 24

Firmato in basso a destra: "L.Di Giovanni"

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus