cerca artista
ARTURO MORADEI pittore

Hai cercato

Pittore
Arturo
Moradei

Firenze 1840 - Ravenna 1901

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

Tratta con brio e spigliatezza il quadro di genere e alla Esposizione mondiale di Parigi, del 1878, fra gli italiani combattenti, così si esprime il De Renzis, egli tenne il campo con onore.

Un suo quadro chiamava gente, tanto spiritoso era, tanto semplice ed umano.

Un bulo delle Romagne, nella schietta verità del suo costume, s'avvicinava di soverchio a una ragazza atticciata e appetitosa sussurrandole una parola all'orecchio.

Benvenuto Cellini direbbe:

«Ragionavano di quelle cose che non vende lo speziale».

Infatti alle confidenze salaci del giovane la fanciulla sguizzava o fingeva, non nascondendo il suo sorriso malizioso.

Fa un coro di elogi; fu un congratularsi di italiani del successo di un italiano.

L'arditezza del soggetto, la naturalezza del colloquio, lo sguardo sensuale dell'uomo, la civetteria furbesca della donzella, facevano di quella tela un lavoro gustevole in sommo grado, ed ognuno attribuì al Moradei lo spirito di Teniers unito alla grazia del Correggio.

Nè soltanto a Parigi egli aveva saputo farsi ammirare, chè a Napoli ancora, del 1877, ebbe elogi per una bella mezza figura dal titolo: "Povera Gigina", esposta colà alla Mostra di Belle Arti; e seppe distinguersi altrove in più occasioni coi quadri: "Come finirà"; "Serva che fila"; "L'inverno"; "Il solo amico"; "Non tante chiacchiere"; "Costumi di Ravenna"; "La moderna Susanna" e "Troppe ciarle", esposto a Venezia, nel 1887, insieme al "Seggo e seggo bene", del quale così parla il Chirtani:

«In questo, come in tutti gli altri suoi quadri, il Moradei ha improntato i tipi del contado ravennate, e le espressioni vive dei personaggi; in questo, come negli altri, ha quell'impasto sodo che si svolge col girare della superficie, quella modellazione ferma, precisa, quel disegno largo, che hanno fatto di questo artista uno dei più originali tra i pittori moderni di scuola toscana».

A Bologna, nel 1888, il Moradei espose un altro quadro eccellente, che aveva per titolo: "A Vespro", e che fu venduto.





 

Opere

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus