cerca artista
MARIO CAVAGLIERI pittore

Hai cercato

Pittore
Mario
Cavaglieri

Rovigo 1887 - Peyloubère 1969

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

Si formò a Padova conoscendo Casorati e dal 1910 iniziò a inviare i suoi quadri alle esposizioni di Ca' Pesaro e dal 1912 alle Biennali di Venezia. Nel 1912 avvenne l'incontro determinante con Giulietta Catellini, che presto divenne sua moglie musa ispiratrice. Dal 1925 si trasferì in Francia, nei pressi di Auch, dove si dedicò al piacere della bella pittura eseguendo ritratti, scene all'aria aperta e nature morte. Il suo linguaggio è aggiornato sul post impressionismo internazionale tramite una peculiare pittura pastosa e cromaticamente vivace. Scheda: Al centro della composizione, in primo piano su un tavolo, un mazzo composto da gladioli ed altri fiori è disposto in un vaso riccamente decorato. Sullo sfondo, la folta vegetazione del parco di Peyloubère. Appositamente realizzato per un pannello in casa di amici (Vareilles 2006, vol. II, p. 294) il dipinto, datato 1963, fa parte della produzione matura del pittore e riprende un soggetto caro all’artista e più volte indagato nella arco della sua opera. Al contrario di molti suoi dipinti con vasi di fiori, in cui lo sfondo quasi neutro chiude la composizione, qui la quinta naturale con gli alberi e i cespugli del parco conferisce al dipinto grande apertura e profondità, in un misto di natura morta e paesaggio. L’artista, interessato al rapporto tra interno ed esterno, tende a sovrapporre, in parte anche a fondere i fiori in primo piano e la vegetazione dello sfondo. La tela, di grande formato, è caratterizzata da uno scoppio di colore, da una dominante calda, con le terre, i rossi gli aranci e i gialli che vengono in avanti, e una dominante più fredda con i verdi e gli azzurri nella parte superiore. Le pennellate materiche, la pittura pastosa, generosa, sono, insieme ad un gusto per il decorativismo, cifra riconoscibile ed originale della pittura di Cavaglieri. Pittura che negli anni della formazione si era aggiornata a contatto con le opere di artisti internazionali come Ensor, Munch, Klimt, Toulouse Lautrec e Renoir, presenti alle più importanti mostre italiane del periodo e arricchita successivamente con la scoperta a Parigi del cromatismo violento dei Fauve e dalla sensibilità di Bonnard e Vouillard. Nelle tele di grande formato dei cosiddetti “anni brillanti” (1913 – 1920) Cavaglieri ritrae figure femminili in interni fastosi, gremiti di oggetti preziosi, resi con una materia pittorica sempre ricca, a tratti tormentata, erede non solo del colore veneto ma anche dell’espressionismo di Kokoscha e Nolde. Espressionismo che, filtrato attraverso un gusto decorativo di ascendenza viennese, sarà una corrente sotterranea della sua pittura, uno stile ricco di suggestione che gli varrà sempre il favore del pubblico e della critica. Fatta eccezione per gli anni della guerra, in cui il pittore perseguitato dalle leggi razziali è costretto a nascondersi, dal 1925 fino agli ultimi anni della sua vita Cavaglieri vive nell’amata campagna di Peyloubère, alternando lunghi soggiorni a Parigi. Le opere riflettono il desiderio di una pittura più libera, lontana dai condizionamenti e dalla vita mondana. Una pittura in cui sono evidenti le suggestioni del post impressionismo ma anche l’influenza dell’amico De Pisis. I soggetti privilegiati sono paesaggi, scorci, nature morte e vasi di fiori. Artista prolifico e instancabile, in lui vita e arte coincidono sempre.

Antonella Dell'Ariccia.

Galleria Berardi © - È vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta secondo la normativa vigente.

Opere

Cavaglieri - Grand bouquet de glaieuls

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Grand bouquet de glaieuls

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm. 170 x 80

Firmato e datato in basso a sinistra "Cavaglieri 1963"

Mario Cavaglieri - Testa di bimba

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Testa di bimba

Tecnica: olio su tela
Misure: cm 24 x 19

Non firmato
Cavaglieri - Ritratto di nobildonna

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Ritratto di nobildonna

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm.

Firmato in basso a sinistra "Cavaglieri 31".

Cavaglieri - Sala d'armi (1923)

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Sala d'armi (1923)

Tecnica:

olio su tela


Misure: cm. 80 x 60

Cavaglieri - Natura morta

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Natura morta

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm. 45x 54

Cavaglieri - Natura morta

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Natura morta

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm. 45 x 54

Cavaglieri - Citrouilles (Zucche)

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Citrouilles (Zucche)

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm. 71 x 90

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus