cerca artista
ALBERTO PROSDOCIMI pittore

Hai cercato

Pittore
Alberto
Prosdocimi

Venezia 1852 - dopo il 1895

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

Pittore miniatore, veneto, nacque il 9 settembre 1852.

Il Gozzoli da di lui la seguente biografia:

«Studiò pittura all'Accademia di Venezia, e nello studio di suo padre fece quadri pregevoli, specialmente all'acquarello; la sua passione però, come quella di suo padre, fu di tornar in onore la miniatura: arte che era quasi perduta, ma che ha il vanto di aver preludiato nel 400 il risorgimento della grande pittura con una schiera di mistici e solitari ingegni, che erano, come dice Dante,

.... onor di quell'arte

Che alluminare è chiamata in Parisi.

Una delle migliori e difficili prove del giovane artista fu la riproduzione a facsimile delle celebri miniature del 500 che fregiano il breviario Grimani del Memling, custodito nella Biblioteca di San Marco a Venezia.

Di miniature, a diversi stili e a svariati soggetti sacri o profani, secondo richiedevano le occasioni, il Prosdocimi, benchè ancora giovane, ne conta già molte.

Ma dove ebbe campo di spiegare un po' le ali alla sua fantasia fu nel fregiare album e indirizzi sulle pergamene.

Sono suoi i caratteri e i fregi vaghissimi a figure, paesaggi, sulla pergamena di onore che i Fiorentini presentarono al sindaco Peruzzi.

Per commissione della Regina Margherita fece il ritratto in miniatura del "Principe di Napoli".

Fece gli album in miniatura offerti dalle signore di Padova e da quelle di Verona Alla Regina.

In quelle testine carezzate col pennello, in quei rabeschi che girano intorno ai caratteri bizantini, gotici, italici, smaglianti di colori, di dorature, fantasie vaghissime, c'è il sorriso di un estro gentile.

Al suo amor proprio toccarono ambite soddisfazioni.

Il Prosdocimi ebbe regali dal Re e dalla Regina d'Italia: fu maestro di pittura della Principessa Hohenzollern-Sigmaringen e della Granduchessa ereditaria d'Holdemburgo.

Per commissione di quest'ultima fece pure alcuni lodatissimi quadretti all'acquerello».

Il Prosdocimi vive da parecchi anni la vita della Basilica d'oro.

Egli è uno dei principali cooperatori dell'opera insigne - monumento del monumento - felicemente compiuta da Ferdinando Ongania.

Il Prosdocimi condusse con diligenza, con acume, con fine gusto, i cartoni che servirono per le cromolitografie della Basilica dell'Ongania, e seppe guidare la meccanica così che l'arte non ne avesse danno o sfregio.

L'opera oggettiva del Prosdocimi figurava, ammirata, alla Esposizione di Venezia ed ove stavano in bell'ordine disposti gli originali della "Basilica di San Marco", edita dal cav. Ferdinando Ongania.

Prosdocimi Alberto si palesava nelle sue personali caratteristiche pittoriche ed estetiche nel "Battisterio", quadro esposto alla detta Mostra che meritatamente, fu tra i fortunati che andarono ad arricchire d'opere moderne la Galleria Nazionale di Belle Arti.

Il "Battistero", per regolarità di linee e di prospettive, per evidenza di effetti di luce ha l'esattezza matematica dei dipinti ricordati, ma vi spicca maggiormente, più intensa vi si rivela la poesia dell'ambiente, che il Prosdocimi profondamente sentì con personali intenti e rese da artista, cui non manca la nota originale; egli è ormai, fra i veneziani, una 'individualità', della quale convien far calcolo, studiandone i concetti e la tecnica.



 

Opere

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus