cerca artista
ERNESTO BERTEA pittore

Hai cercato

Pittore
Ernesto
Bertea

Pinerolo (Torino) 1836 - 1904

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Ernesto Bertea asce a Pinerolo nel 1836 da una famiglia agiata. Pur laureandosi in giurisprudenza a Torino nel 1857, contemporaneamente si dedica con passione alla pratica della pittura. Risale, infatti, proprio allo stesso anno il suo esordio presso la Promotrice torinese con il paesaggio L’agguato. È il periodo in cui frequenta lo studio del paesaggista torinese Ernesto Allason, ma soggiorna anche spesso a Ginevra per recarsi nello studio di Gustave Castan. La svolta reale, però, giunge quando si sposta per un biennio a Parigi, dal 1858 al 1960. Qui entra in contatto con Costant Troyon, presso cui porta a compimento la propria formazione, acquisendo gli innovativi stilemi della Scuola di Barbizon. Viaggia moltissimo, tra la Spagna, la Francia, le Baleari e la Scozia, in cerca di motivi nuovi da cogliere en plein air.

Nel frattempo, continua a partecipare alle esposizioni italiane: nel 1861 invia a Torino Una passeggiata sul lago di Park in Scozia, Pascolo nei dintorni di Crémieux, La valle di Burgoin, Per partire dal mercato (scena nei dintorni di Parigi). Nel 1864 presenta invece Le rive della Mosa, Una chiatta, Un pescatore, Il ponte di San Giuseppe (Fréjùs), Lavatoio di grano a Fréjùs. Tornato da questi viaggi intorno all’Europa, soggiorna in Toscana nella metà degli anni Sessanta ed entra in contatto con i macchiaioli. Unisce con semplicità la lezione appresa in Francia con quella della macchia, portando poi a compimento la sua maturazione artistica dopo l’incontro con Alfredo D’Andrade e Vittorio Avondo a Ginevra.

A questo punto, entra a far parte della Scuola di Rivara, i cui membri, sul modello della Scuola di Barbizon e sulla scia della Scuola di Staggia e dei macchiaioli in Toscana, si recano nel Canavese a dipingere dal vero e all’aperto. Più degli altri membri come Pittara o Avondo, risente dell’influenza della pittura di macchia, dunque la sua poetica risulta più schietta e meno lirica degli altri piemontesi. Risalgono al periodo della Scuola di Rivara dipinti come Sotto i castagni, La baia di Pollenza, Al fianco della Parrocchia, Pascolo in inverno, Casolare biellese. Negli anni Settanta, Bertea soggiorna molto spesso in Liguria e affianca dunque le vedute piemontesi a quelle della costa ligure.

Nel 1878 espone a Torino Strada di paesello antico, Popolo – studio dal vero, La Pusterla dell’antico convento di Arenzano e Autunno. Nel 1880 presenta invece Pecore al pascolo, In Val d’Aosta, Le prime foglie, Un pascolo in pianura. Continua a dipingere per tutti gli anni Ottanta e Novanta, esponendo paesaggi come Cascinale in Val Pellice, La siesta, Nella villa Pallavicini a Pegli. All’Esposizione Nazionale di Belle Arti di Roma del 1883 invia Novembre, L’antico porto di fondo foce sul Lago Maggiore e Il patrimonio di Beppino. Nel 1898 partecipa alla sua ultima esposizione torinese con I Pesio al di sopra della Certosa e con Al Gerbido Torinese in maggio.

Grande collezionista di oggetti e arte esotica, Bertea è anche uno dei primi studiosi del medioevo torinese, in particolare di quello di Pinerolo. Proprio dall’ambiente della Scuola di Rivara, infatti, parte l’idea del restauro di molti edifici e opere d’arte medievali piemontesi. Muore a Pinerolo nel 1904.

Elena Lago

Opere

Bertea - Tramonto invernale in Carpegna

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Tramonto invernale in Carpegna

Tecnica:

olio su cartone


Misure: cm 43,5 x 55,5

Bertea - Il Pesio al di sopra della Certosa

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Il Pesio al di sopra della Certosa

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus