cerca artista
VITTORIO BRESSANIN pittore

Hai cercato

Pittore
Vittorio
Bressanin

Musile di Piave 1860 - Venezia 1941

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Vittorio Emanuele Bressanin frequenta i corsi di Pompeo Marino Molmenti all’Accademia di Venezia. L’Accademia lo conduce inizialmente ad un tipo di pittura decorativa tutta concentrata su tematiche religiose, storiche o allegoriche.  Ma la vicinanza a Giacomo Favretto (1849-1887) lo indurrà poi ad una pittura da cavalletto leggera e di facile comprensione, quella di genere. In ogni caso, le prime prove sono essenzialmente legate al linguaggio accademico, che sfocia in un tardoromanticismo vivace ed eclettico.

Esordisce a Venezia nel 1887 con il dipinto di storia L’Ultimo Senato e contemporaneamente lavora all’esecuzione della Beata Vergine del Soccorso sul soffitto della Rotonda di Rovigo. Sempre nella cittadina veneta, in particolare nella Chiesa di San Francesco, realizza il San Francesco innanzi a Innocenzo III e il Martirio di Santa Giustina.

Nel 1899, alla Biennale di Venezia, espone il dittico di forte gusto liberty Modestia e Vanità e Le tentazioni del Santo. Poco dopo lavora nella Torre Monumentale di San Martino, realizzando una serie di affreschi legati alla celebrazione del Risorgimento italiano. Esegue Episodi della Difesa di Venezia, il Convegno di Vignale, Vittorio Emanuele in Campidoglio, l’entrata a Milano di Vittorio Emanuele II e Napoleone III dopo la vittoria di Magenta, Vittorio Emanuele al ponte di Palestro e altre scene.

Ma accanto a questa produzione ufficiale e più legata al genere storico, sacro o allegorico, Bressanin si destreggia con vivacità nella pittura di genere. Nel revival della goldoniana Venezia settecentesca, elabora scene piacevoli e gradite al mercato. All’Esposizione di Milano del 1894 invia Fuoco spento. La bottega del caffè compare Biennale di Venezia del 1897, Il baro e A mio figlio vengono esposte nel 1901, Zioba grasso alla Biennale del 1905.

Scenette argute e di facile comprensione, caratterizzate da un realismo velato della leggerazza propria della pittura di genere sono Il ritorno dal ballo, El bocolo del San Marco, Ritratto in costume, Beethoven, La contessa riceve, Carnevale in piazza, Fastigio lussuoso e il Cavadenti della Villa Gordiani a Quinto di Treviso.

Muore a Venezia nel 1941.

 

Elena Lago

Opere

Vittorio Bressanin - Studio

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Studio

Tecnica:
Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus