cerca artista
UGO BERNASCONI pittore

Hai cercato

Pittore
Ugo
Bernasconi

Buenos Aires 1874 - Cantu' 1960

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Ugo Bernasconi nasce a Buenos Aires nel 1874, ma si trasferisce già da piccolo con la famiglia a Olgiate Comasco. Dopo gli studi classici a Milano, frequenta i corsi di ingegneria all’Università di Pavia, abbandonandoli dopo solo un anno. Ciò che lo attrae veramente è la pittura, che comincia a praticare da autodidatta negli anni Novanta, periodo in cui viaggia moltissimo tra Roma, la Turchia, la Grecia, la Palestina e di nuovo l’Argentina. Si ferma poi a Parigi nel 1899 e vi rimane per sei anni, infatti è proprio nella città francese che avviene la vera formazione di Bernasconi. Frequenta l’Académie Julien e soprattutto lo studio di Eugène Carrière, da cui eredita moltissimi elementi quali l’uso dei toni bruni, la resa pulviscolare ed evanescente della pennellata, la predilezione per malinconici e tormentati ritratti di ascendenza simbolista.

Una costante sensazione di brumosità circonda le figure di Bernasconi, realizzate quasi sempre a monocromo, tecnica che conferisce ai dipinti un senso di mistero e dramma. La sua poetica non deriva perciò soltanto da Cerrière, ma anche da esempi più vicini alla realtà lombarda: innanzitutto la Scapigliatura, fino ad arrivare poi al Divisionismo di Morbelli e di Grubicy, ma non è esente dal colorismo del Piccio. Forse anche grazie a questi esempi, passa dalla fase quasi monocroma ad una caratterizzata da una tavolozza più variegata, come si può notare dai dipinti degli anni Venti. Al 1922 risale la sua prima personale presso la Galleria Pesaro di Milano, in cui espone una novantina di opere. Tra di esse vi sono Convalescente, Febbricitante, Fanciulla che scrive, L’albero fiorito, Casino al Pincio, Lioncello, Giovinetta al tombolo, Ricamatrice, Sorelle, Gruppo materno e La vecchia.

Una dimensione intima e meditativa permea questi dipinti che lo portano ad un successo sempre più consistente, soprattutto quando, sulla scia delle correnti del ritorno all’ordine, le sue figure si fanno più volumetriche, senza mai aderire a Novecento. Prende parte però alle loro rassegne nel 1926 e nel 1929 e alle loro mostre internazionali. Partecipa alla Biennale del 1926 con i due paesaggi Città e Neve, mentre invia a quella del 1928 Bambina febbricitante e Lago a mattina. Alla Prima Quadriennale romana invia Ritratto ridente e I campi, per poi partecipare, nel 1939, alla prima mostra del gruppo “Corrente” e al Premio Bergamo.

In questi anni, la sua residenza è a Cantù, in Brianza, principale luogo di ispirazione delle sue intense e malinconiche tele. Lettrici in rosa, Ciclamino bianco, Bambina con le primule, Ricamatrice in azzurro, Fanciulla seduta, Volto di adolescente compaiono alla Quadriennale del 1939, insieme ad altre trentatré opere esposte in una sala dedicata a Bernasconi. Al Premio Bergamo presenta invece Castel Baradello e Alba in Brianza.

Continua a dipingere fino agli anni Cinquanta, lasciando nelle sue opere un costante senso di profonda introspezione, che corrisponde anche all’attività letteraria e critica del pittore. Risale infatti al 1841 umo scritto su Adolfo Wildt e al 1944 l’ultima edizione di un testo critico su Arturo Tosi. Muore a Cantù nel 1960.

Elena Lago

Opere

Bernasconi - Donna allo specchio

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Donna allo specchio

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Bernasconi - Donna con penna di pavone

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Donna con penna di pavone

Tecnica:

olio su tela


Misure: cm 90 x 70

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus