cerca artista
GIUSEPPE BACIGALUPO pittore

Hai cercato

Pittore
Giuseppe
Bacigalupo

Pian dei Preti 1744 - Genova 1821

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Si formò presso l'Accademia Ligustica di Genova. Nel 1771 ritornò presso la bottega del padre dove si dedicò a dipinti devozionali. A questo proposito Alizeri ha attribuito a questa fase alcune pale d'altare eseguite per Pian dei Preti e inviate ad Arquata Scrivia oltre che in alcuni centri della Riviera di Levante, ma non si hanno notizie utili. Grazie al mecenatismo di Giacomo Gentile, patrizio genovese, l'artista proseguì gli studi a Roma dove conobbe Mengs e Batoni oltre a Cristoforo e Ignazio Unterberger. In questo contesto l'artista seppe dedicarsi sia alle esercitazioni di disegno che allo studio di paesaggio reso talvolta più vivido grazie agli studi en plen air. Dopo il suo soggiorno a Napoli tornò a Genova nello stesso anno (1777). L'artista sì stabili da Giacomo Gentile acquisendo una buona nomea come pittore di paesaggio tanto da essere citato da Carlo Giuseppe Ratti nell'Instruzione di quanto può vedersi di più bello in Genova del 1780.

La figlia Rosa gli dedicò le biografie nel 1827. Alizeri nel 1864 riportò, non solo una ricca produzione da cavalletto, ma anche una serie di cicli di affreschi eseguiti all'interno di dimore patrizie, di cui attualmente non si ha purtroppo documentazione. Ottenne la nomina di Accademico di merito della Ligustica nel 1792 e dal 1805 ebbe l'incarico di docente nella scuola di ornato (secondo quanto riportato dal Borgi nel 1975). La conoscenza che abbiamo di Bacigalupo si limita a pochi dipinti di veduta e di paesaggio oltre alle sei sovrapporte con Scene mitologiche che gli vennero commissionate da Marcello Durazzo nel 1785.

Questi dipinti testimoniano la sua predilezione per la pittura di paesaggio settecentesca con specifica ispirazione a Lorraine, Domenichino e Poussin. In Spiaggia di Sturla (1795), l'Episodio della reazione ad Albissola ai fatti giacobini del 1797, l'artista assume i canoni del vedutismo romano. Questo spirito analitico che caratterizza la rappresentazione si rintraccia anche nei paesaggi di invenzione contemporanei, come le Stagioni del 1798, una serie in cui emerge la passione per il pittoresco. Questa particolare tendenza, più spiccata in tarda età, viene orchestrata in ossequio alla pittura di genere genovese del Seicento. Tra le ultime opere documentate abbiamo il Paesaggio con pescatori, ora presso l’Accademia Ligustica, e il Porto di Genova sotto la neve, ora in collezione privata. Il secondo dipinto può essere collocato nella tarda seconda metà del Settecento a giudicare dall’abbigliamento dei personaggi ritratti.

Opere

Bacigalupo - Orfeo chiede a Plutone e a Proserpina la restituzione della sposa Euridice

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Orfeo chiede a Plutone e a Proserpina la restituzione della sposa Euridice

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus