cerca artista
PIETRO BARDELLINO pittore

Hai cercato

Pittore
Pietro
Bardellino

Napoli 1728 - 1810

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Fu allievo di Francesco de Mura verso la cui opera sì mosse abitualmente. Gli unici altri artisti verso i quali eccezionalmente fu aperto furono il Bonito e il Diano. A tal proposito sono esemplificativi i dipinti eseguiti tra il 1750 e il 1773, periodo comprendente la tela per la Farmacia degli incurabili di Napoli e la Sacra Famiglia per il Duomo di Gravina in Puglia.

Nonostante ci siano state personalità maggiormente influenti sul suo modus operandi, non rifiutò aperture verso i preziosismi del Giaquinto e il pittoricismo di Giacomo del Po. Di qui un’opera come la Madonna appare a Pio V e a don Giovanni d'Austria, commissionato per San Giacomo degli spagnoli a Napoli. Nel 1773 Bardellino cominciò a insegnare all'interno dell'Accademia napoletana del Disegno. Dal 1780 lo stile del maestro fu reso peculiare dalle stesure ampie di colore e dalla creazione di suggestive scene nostalgiche, i cui protagonisti sono eroi e santi tratti dal passato ma attuali nella loro estrema eleganza. Le tradizionali tendenze decorativiste della pittura napoletana vengono arricchite dagli influssi degli artisti provenienti dall'Austria, dalla Germania e dalla Boemia, formatisi grazie alle esperienze napoletane.

Sono diverse le opere che segnano la maturità raggiunta dall'artista: il ciclo di affreschi nella volta della biblioteca presente nel palazzo dei Regi studi e ascrivibile al 1781; gli affreschi eseguiti a Palazzo Cellamare, quelli della chiesa di Regina Coeli del 1787, della cattedrale di Monopoli o di Palazzo Spinelli a Napoli. Parallelamente alla tecnica a fresco si dedicò a opere di piccolo e di medio formato, a tema sacro e laico, attualmente sparse in diverse collezioni private. Esempi di questa pittura sono: i Giochi di Putti e l’Allegoria degli elementi, costituita da quattro piccole tele ovoidali. Il Ritratto di Gaetano Barba del 1790 (olio su tela), attualmente presso l'Accademia di San Luca a Roma, e il dipinto della Biblioteca dei Gerolamini a Napoli, rappresentano una fase accademista della pittura decorativista napoletana.

Nei palazzi Maddaloni e d’Angri, come nel soffitto del salone del Museo Borbonico, è testimoniata la passione per la composizione di scene brulicanti di figure dove i drappeggi di concerto con la gamma cromatica fredda collaborano ad una maggiore resa decorativista. Nei casi suddetti i colori sono molto più vivaci di quanto non appaiano quelli presenti nella pittura a olio su tela, un esempio è la Madonna tra i Santi Francesco e Antonio della Confraternita dei Bianchi allo Spirito Santo.

 

Opere

Bardellino - San Giuseppe Falegname

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

San Giuseppe Falegname

Tecnica:
Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus