cerca artista
MATTIA BATTINI O BATINI pittore

Hai cercato

Pittore
Mattia
Battini o Batini

Citta' di Castello 1666 - Perugia 1727

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Nacque a Città di Castello ma ben presto si trasferì nel capoluogo umbro. A Perugia fu allievo di Pietro Montanini presso la sua bottega. Ottenne la cittadinanza l’11 giugno 1713 e divenne membro dell'Accademia del Disegno. La sua attività si svolse prevalentemente tra Città di Castello e Perugia, con i ruoli di decoratore e di autore di quadri con soggetti sacri.

In attesa di un'ulteriore elaborazione critica, le seguenti opere, a eccezione degli affreschi con grottesche e Storie di Santa Barbara, sono andate perdute: un Gonfalone del 1688, eseguito per le Confraternite di Santo Spirito e della Madonna del Carmine; l'Incoronazione della Vergine e Santi nella chiesa del Gesù, presso la cupola della cappella della Madonna; le lunette della Chiesa delle monache di San Benedetto; un affresco della Madonna del Belvedere, Sant'Egidio e Processione con veduta del colle del Santuario del Belvedere sopra la porta di Sant'Egidio, poi distrutta; alcune tele della casa Paci; l'Ultima cena, una tela di dimensioni considerevoli per la vicina Fratta. Ebbe modo di lavorare anche a Perugia grazie all'appoggio della famiglia Graziani.

Nella città si conservano: 5 tele dell'Oratorio della Confraternita di Sant'Agostino, si tratta di San Sebastiano, San Filippo, Sant'Agostino e San Giacomo che costituisce, tra l'altro, la maggiore opera conservata dell'autore; presso la chiesa della Madonna di Mongiovino, eseguì gli affreschi considerati dalla critica di scarsa qualità; le tele narranti la Storia di San Pio V e l'Estasi di San Tommaso oltre agli affreschi nella sagrestia della chiesa San Domenico; per Santo Spirito portò a termine due tele, mentre presso l'altare degli Orefici eseguì l'opera raffigurante i Santi Atanasia e Andronico; la Vita di Santa Caterina d'Alessandria del 1718, nella volta della chiesa del monastero di Santa Caterina per la quale fece inoltre un dipinto con la Concezione della Vergine.

Le tele con gli Episodi della vita di San Bernardo sono andati perduti e si trovavano nella chiesa di Santa Giuliana. È andata dispersa anche la raffigurazione pittorica di un Presepio nella sagrestia di Santa Maria della Misericordia o dell'Ospedale. Recentemente secondo una ricostruzione del 1988, le opere ritraenti San Francesco e San Ludovico che si trovavano ai lati dell'altare dell'oratorio della Confraternita dei Disciplinati di San Francesco, non sono attribuibili al Battini bensì a P. Gismondi (Mangini, Casagrande 1988). Presso Città della Pieve, nel Santuario della Madonna di Mongiovino, sono attualmente conservati gli affreschi del Battini.

Opere

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus