cerca artista
GIACOMO FAVRETTO pittore

Hai cercato

Pittore
Giacomo
Favretto

Venezia 1849 - 1887

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Giacomo Favretto nasce a Venezia nel 1849 da un umile falegname nella cui bottega inizia a lavorare sin da piccolo. Viene poi indirizzato dal pittore Frencesco Vason alla pratica del disegno. Ben presto, il maestro, notate le doti del ragazzo, convince la famiglia di Giacomo ad iscriverlo all’Accademia di Venezia. Vi studia dunque dal 1865 al 1870, sotto la guida di Michelangelo Grigoletti e Pompeo Marino Molmenti, perfezionando il disegno e studiando il colorismo del Settecento, soprattutto quello di Tiepolo. Grigoletti lo introduce anche allo studio del tonalismo veneto del Cinquecento, mentre Molmenti lo rende avvezzo ad una minuzia descrittiva e disegnativa che caratterizza gran parte della sua prima produzione. Amico di Guglielmo Ciardi, inoltre, si avvicina alle nuove istanze della pittura di macchia e conosce poi Federico Zandomeneghi.

Le prime opere risultano attentissime agli effetti luministici ma anche ad un’accurata e resa disegnativa: ne sono esempio i capolavori dei suoi esordi, Scuola di pittura del 1871, La lezione di anatomia e I miei cari del 1873. Tutte opere che riflettono un dettagliato studio della lezione fiamminga per quanto riguarda gli interni, ma anche una forte sensibilità nei confronti degli effetti di luce. Queste prime prove vengono ampiamente apprezzate dal pubblico e dalla critica, che comincia ad interessarsi anche alle piccole scene di genere che Favretto espone in diverse mostre, ispirate alla quotidianità veneziana, ma anche al Settecento, realizzando frizzanti, argute e leggerissime scene in costume. Ad esempio, nel 1875 presenta a Torino Una partita a scacchi, all’Esposizione Nazionale di Napoli del 1877 invia Lo zucchero al cagnolino.

Nel 1879 si reca a Parigi insieme a Ciardi per visitare l’Esposizione Universale e qui entra in contatto con la pittura leziosa e virtuosistica di Jean-Louis Ernest Meissonier, ma anche con lo sfarfallio cromatico dei dipinti di Mariano Fortuny. È una lezione che tiene ben presente al suo rientro in Italia, quando sviluppa un linguaggio perfettamente alla moda del mercato del tempo: una pittura vibrante e luminosa, che pone le basi su di una tavolozza chiara e un colore steso con piccoli tocchi movimentati. Dal punto di vista tematico, sceglie scene della vita popolare veneziana, ma anche rievocazioni settecentesche, facendosi interprete di una pittura leggerissima e allo stesso tempo provvista di una rigorosa perizia tecnica.

All’Esposizione di Torino del 1880 vengono mostrate queste ultime novità nei dipinti Un incontro, Erbaiuolo veneziano, Erbe e frutta, Stampe e libri, Banco lotto e Il sorcio, scenetta aneddotica e realistica con cui ottiene un ampio successo che ormai lo consacra. Espone in Francia, in Inghilterra e in Germania come continuatore e innovatore del linguaggio di Meissonier. Nel 1881 a Milano presenta Alla benedizione, Buon viaggio, Una riva a Venezia, Nell’oratorio, El difetto se nel manego, tutto scene argute e ormai completamente votate all’aneddoto curioso e sfizioso. Partecipa all’Esposizione Nazionale di Roma del 1883 con Soli!, Calle a Venezia, Il mercato del Campo San Polo a Venezia di sabato e Limbo.

All’Esposizione di Venezia del 1887 presenta La fiera di Pasqua al Ponte di Rialto, Traghetto della Maddalena e una delle sue opere più importanti, El liston. Un’anticipazione settecentesca del suo ultimo quadro, El liston moderno, ambientato invece nell’Ottocento. La classica passeggiata raffinata nelle piazze veneziane, ripresa con un taglio modernissimo, omaggio freschissimo alla sua città. Piano piano, nel 1887 viene colto da una malattia agli occhi che gli impedisce in pochissimo tempo di dipingere come prima. Nel giro di pochi mesi muore ad appena trentotto anni.

Elena Lago

 

Opere

Favretto - El difeto se nel manego

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

El difeto se nel manego

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Favretto - Al mercato

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Al mercato

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Giacomo Favretto - Scena

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Scena

Tecnica:
Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus