cerca artista
EGISTO LANCEROTTO pittore

Hai cercato

Pittore
Egisto
Lancerotto

Noale (Venezia) 1847 - Venezia 1916

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Egisto Lancerotto nasce a Noale, nei pressi di Venezia, nel 1847. Molto giovane, inizia a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Venezia, inoltrandosi verso il classico percorso di pittore di storia di stampo accademico. Terminata gli studi, però, si indirizza verso una produzione più gradita al mercato, quella della pittura di genere dedicata a scene tratte dalla quotidianità popolare e mondana di Venezia, ma anche a sensuali e accattivanti figure femminili. Molto amico di Giacomo Favretto, di cui accoglie i modi e numerosi temi, esordisce alla Promotrice torinese del 1878 con I miei fiori e Testa di donna (studio dal vero). L’anno successivo espone sempre a Torino La fioraia, dando vita ad una produzione leggermente ripetitiva negli anni e sempre incentrata su soggetti della popolarità veneziana.

Comunque abile nelle scene di costume, le dota della classica frivolezza e di una leggerezza di matrice favrettiana, come è evidente da alcuni temi come Lotto della pollastra, esposto alla Mostra di Belle Arti di Roma del 1883, o come Scelta fatta e Tombola esposti a Torino nel 1885. All’Esposizione Universale di Parigi del 1889 invia Déclaration d'amour, Les pigeons de Saint Marc e Sur le balcon. All’Esposizione di Palermo del 1892 invia invece L’incorregibile, con cui ottiene la medaglia d’oro, e a quella di Roma del 1893 Reclute e Indovina. Vedova compare alla Biennale di Venezia del 1897 a quella del 1898 due dipinti più freschi dei precedenti, perlomeno dal punto di vista cromatico, In villa e Chioggiotti in porto, acquistato da Margherita di Savoia e ora alla Galleria d’Arte Moderna di Venezia.

L’ultima sua partecipazione ad una Biennale risale al 1910 quando vi presenta Poesia della vita e Beneficenza, anche se Ritratto di signora sarà presente alla Biennale del 1932, riproposto in memoria di Lancerotti, morto a Venezia nel 1916. Per gran parte della sua carriera, dunque, si è dedicato a scenette di genere e a ritratti, alcuni di essi conservati in collezioni private, altri nella Pinacoteca di Noale o presso la Gellaria d'Arte Moderna di Venezia.

Elena Lago

 

Opere

Lancerotto - In villa

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

In villa

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Lancerotto - Due popolane presso i giardini pubblici a Venezia

Zoom

OPERA NON DISPONIBILE

Due popolane presso i giardini pubblici a Venezia

Tecnica:

olio su tela


Misure:

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus