cerca artista
EGISTO LANCEROTTO pittore

Hai cercato

Pittore
Egisto
Lancerotto

Noale (Venezia) 1847 - Venezia 1916

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

Pittore veneto, cominciò la sua carriera dipingendo uomini e donne così inanimate, che parevano di legno; ma a poco a poco si liberò dai difetti, disegnò più corretto, colori più leggero, e si fece artista valente. Tentò il quadro storico, riproducendo nella tela un cartone condotto a fine durante gli studi accademici e che fu premiato. Egli non può essere confuso con nessun altro artista della Scuola veneta, tanto la sua nota è particolare e caratteristica. Per definire l'artista basterà citare quanto a proposito del suo magnifico quadro "Ballo di nozze", esposto nel 1887 a Venezia, scrive un critico intelligente. «Nessuno come Lancerotto riesce a trasportare sulla tela quanto di più caratteristico si dà nel tipo, nel costume, nell'espressione, nelle attitudini e modi più abituali del popolo di Venezia. Egli capisce la veneziana della calle e del campiello, il lavorante, il facchino, il gondoliere, l'elegante a sbrindoli, il vecchio tabaccoso, il ragazzo sudicio e viziato, con un acume d'osservazione veramente singolare e raro, ne intuisce l'anima e gli istinti e gli appetiti più intimi, e ne dà l'espressione vera con una determinatezza inarrivabile. Dipingendo questi tipi, in quanto hanno di più speciale in ogni circostanza della vita, li tratta con tale arguto senso di vero e d'artistico, che, nello stesso tempo forse senza volerlo, ne fà la satira più fina mordace e bonaria». I quadri del Lancerotto più conosciuti sono: "Delusione" quadro destinato al Salon di Parigi, che si guastò per via; "Le legate a Venezia"; "Popolani a Venezia"; "La festa degli sposi"; "Scuola di pittura"; "Da Mestre a Venezia" esposto nel 1881; "Mezza festa"; "Breve respiro"; "Barcaiolo", esposto a Torino nel 1880; "A piè d'un ponte"; "L'Albo", esposto a Milano nel 1881; "Esposizione artistica"; "Loto della pollastra"; "Capitolo primo", ammirato a Roma nel 1883; "La Zingara"; "Preparativi per la notte del Redentore a Venezia", inviati alla Mostra di Milano del 1884; "Assedio di Firenze"; "Convegno", spediti lo stesso anno a quella di Torino; e le altre tele "Dopo la disputa"; "Fiori di maggio"; "Monte Rosa" ed altre esposte in varie altre città.

Opere

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus