cerca artista
PIETRO MENGARINI pittore

Hai cercato

Pittore
Pietro
Mengarini

Roma 1869 - 1924

Sei interessato alla VENDITA o all' ACQUISTO di sue opere?

STIMA GRATUITA
VUOI VENDERE UN'OPERA D'ARTE DI QUESTO ARTISTA?

CONTATTACI IMMEDIATAMENTE SENZA IMPEGNO:

telefono

icona telefono

0697606127

whatsapp

icona whatsapp

Cellulare 3477835083

OPPURE COMPILA IL FORM

Nome
Telefono
Email
Messaggio
Allega file*
*Limite massimo: 5 allegati

Allega immagini: solo file di tipo immagine (.JPG .JPEG .GIF .PNG) inferioiri a 5 Mb

Privacy
Do il consenso al trattamento dei dati personali in base alla legge 675/96, leggi le note sulla privacy
Captcha

Biografia

 

Pietro Mengarini nasce a Roma nel 1869 e si forma nello studio del pittore Giulio Rolland, pittore decorativo molto attivo in Italia centrale, autore di diversi cicli per soffitti, come quello per il Teatro Flavio Vespasiano di Rieti. È molto probabile che il giovane Mengarini abbia aiutato il maestro nella decorazione di alcuni edifici, come l’aula magna dell’Università di Macerata. L’esordio pubblico del pittore avviene nel 1892 alla Mostra degli Amatori e Cultori di Belle Arti di Roma, dove presenta uno Studio di nudo. L’anno successivo, all’Esposizione Nazionale di Roma, presenta invece uno Studio dal vero caratterizzato dall’utilizzo della tecnica divisionista.

Ben presto si specializza anche nell’uso dell’acquaforte colorata, dando vita a vedute e paesaggi aperti, dal cromatismo chiaro e pulito, caratterizzato da una luminosità diffusa. Nel 1905 partecipa alla Biennale di Venezia con Mezza figura e Nudo e nello stesso anno tiene una conferenza presso il Circolo Artistico Internazionale dal titolo Fonti di poesia della pittura moderna, che lo presenta come uno dei più impegnati esponenti del divisionismo romano. L’anno successivo partecipa all’Esposizione Nazionale di Milano presentandovi Nel vapore dell’acqua, Il vaso turchino e La Solitaria e nel 1909 a quella di Rimini con Un pezzo di canale a Venezia, Un ponte a Venezia, Lettura piacevole, Contratto difficile e Le cicoriare a Roma. Quest’ultimo dipinto in particolare, intriso di una luce chiarissima che illumina le donne che vendono cicoria in Piazza dell’Unità a Roma è una tranche de vie raccolta con sguardo rapido e modernissimo.

Cantuccio tranquillo e La vela nuova compaiono alla Biennale del 1910, Dopo la pesca e Anzio all’Esposizione Internazionale di Roma del 1911. Mentre l’anno successivo partecipa ad una mostra dedicata a Roma presso il Circolo Artistico, per poi esporre alla Secessione nel 1913 il dipinto Caricatori di carbone, un’altra impressione tratta dalla quotidianità lavorativa. Alla seconda mostra secessionista del 1914 espone Pomeriggio d’autunno e L’altra sponda, una chiarissima veduta di Ponte Cavour come pervaso da una leggera foschia proveniente dal fiume. Nello stesso anno, insieme a Sartorio, Noci e D’Achiardi prende parte alla Mostra di Marine presso l’Associazione Artistica Internazionale.

Alla Secessione del 1915 compare il placido Pesca alla canna, caratterizzato da un’impronta luministica tutta realizzata attraverso filamenti divisi di colore. Presentato insieme a Il molo, decreta il successo dell’artista che espone anche all’ultima mostra secessionista del 1916 Occhi azzurri e Fra due luci. Nel 1921 prende parte alla I Biennale romana, riproponendo Le cicoriare a Roma insieme al dipinto Aria aperta. L’anno successivo sposa la pittrice Ida Magliocchetti a cui era legato da molti anni. Muore nel 1924 a soli 55 anni, ma i suoi dipinti continuano a comparire nelle esposizioni romane almeno fino al 1926: alla III Biennale di Roma vengono esposti Ponte Cavour, Barche, Mercato e Il porto di Anzio.

Elena Lago

 

Opere

mengarini_pietro_mercato_lr.jpg

Zoom

Le cicoriare a Roma (Mercato a piazza dell'Unità - Via Cola di Rienzo), 1907

Tecnica:

olio su tela


Misure: cm. 88 x 136

Firmato e datato in basso a sinistra "RM 1907 P. Mengarini"; Esposizione delle Belle Arti di Rimini dle 1909; I Biennale romana del 1921

Mengarini - L’altra sponda - Ponte Cavour a Roma

Zoom

L’altra sponda - Ponte Cavour a Roma

Tecnica:

Olio su tela


Misure: cm. 118 x 119

Firmato in basso a sinistra “Pietro Mengarini Roma”
Provenienza: Roma, collezione privata
Esposizioni: La Secessione Romana - Seconda Esposizione Internazionale d'Arte della
"Secessione" (Prima Edizione) (Roma) 1914

Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus