cerca artista

News: In evidenza

Data: 05/09/2017

ATTILIO SELVA - Ritmi (1921)

Esposta alla Biennale di Venezia del 1922, la scultura in gesso patinato ad effetto bronzo intitolata Ritmi costituisce uno dei vertici della produzione di Attilio Selva, scultore triestino attivo a Roma dal 1909. L’opera rientra in un ricco corpus di nudi femminili che l’artista realizzò fin dagli esordi della sua carriera e che, in particolare a partire dagli anni Dieci, si caricarono di valenze simboliche. Selva eseguì altri due nudi con il titolo Ritmi: il primo, in gesso dorato, fu esposto alla mostra della Secessione romana del 1915; l’altro nel 1923, alla prima Biennale Internazionale delle Arti Decorative di Monza.

Data: 16/06/2017

Francesco Trombadori - Isola Tiberina

Nel mese di giugno 2017 la Galleria Berardi dedica un omaggio a Francesco Trombadori, l'artista che dal 1920 dal suo atelier sito nella Villa Strohl-fern si affermerà come protagonista della pittura di intonazione neoclassica e purista. Il presente dipinto Isola Tiberina restituisce bene l'idea dei paesaggi silenti dell'artista siracusano e dell'equilibrio raggiunto tra avanguardia e tradizione.

Data: 02/05/2017

RENATO TOMASSI - Mia moglie

Mia moglie venne esposto assieme a Mia figlia Enza all’annuale mostra degli Amatori e Cultori a Roma del 1926, e testimonia sia lo stretto legame con gli exempla di Otto Greiner - si veda il caratteristico non finito attorno al volto - sia la grande abilità di ritrattista che permise a Renato Tomassi di affermarsi presso l’alta borghesia e l’aristocrazia romana e tedesco-romana. La caratteristica luminosità cristallina che sembra quasi fermare il tempo, ben visibile nell’opera, lo ricollega alle contemporanee atmosfere del Realismo magico, mentre il disegno tagliente e incisivo è la sigla stessa della sua cifra stilistica, sempre elegante e vicina agli ambienti della Secessione mittleuropea.

Data: 22/03/2017

ALEARDO TERZI - Meriggio d'autunno (1913)

Alla prima Esposizione Internazionale d’Arte della Secessione di Roma del 1913 Aleardo Terzi si presentò con due opere molto importanti: Mattino d’estate e Meriggio d’autunno, entrambe esemplari della maturità raggiunta nella tecnica del tocco diviso.
Mattino d’Estate è conservato nella Galleria d’Arte Moderna di Palermo, mentre Meriggio d’autunno viene presentato per la prima volta in questa sede.

Da notare che nel catalogo della Secessione fu scelto precisamente quest’ultimo per essere riprodotto con un’illustrazione, segno evidente della eccezionalità dell’opera.

Data: 20/01/2017

PIETRO MORGARI - Almea (1875)

Gli esordi di Pietro Morgari prima del suo trasferimento a Londra, avvengono alla Promotrice di Torino dove invia nel 1872 Povera Imelda, nel  1873 Giovane andalusa e quindi nel 1875 Almea. Precisamente con quest’ultimo può essere identificato il quadro qui esposto, datato settembre 1875”.
Almea era un nome egiziano con cui si identificavano le cantatrici chiamate ad esibirsi nelle case nobiliari e dunque per esteso alludeva al ruolo di danzatrice e cortigiana d’Oriente.
La straordinaria qualità dell’opera, accompagnata da degna cornice, fa di queso dipinto uno dei massimi raggiungimenti dell’autore , come d’altronde è confermato dalla letteratura artistica dell’epoca.

 
1 2 3 4 /5
Loghi Associazione Antiquari d'Italia e CINOA

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - sito: www.maestrionline.it
ragione sociale: Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
sede legale: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - P.Iva: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. Note sulla privacy - Mappa del Sito

Valutazione In Tutta Italia

Abruzzo // Basilicata // Calabria // Campania // Emilia Romagna // Friuli Venezia Giulia // Lazio // Liguria // Lombardia // Marche // Molise // Piemonte // Puglia // Sardegna // Sicilia // Toscana // Trentino Alto Adige // Umbria // Valle d'Aosta // Veneto
icona facebook icona twitter icona google plus